ESPLORAZIONE   E    AVVENTURA

HOME                 log personale di Francesco Sauro                      

 

Con particolare piacere il Calzaturificio GAIBANA annovera fra i suoi amici  e vi presenta

 

       

 

Francesco Sauro

Inizia a svolgere attività speleologica già all’età di tredici anni con numerosi gruppi speleologici veneti diventando poi socio del Gruppo Speleologico Padovano. Svolge attività esplorativa soprattutto nel Veneto dedicandosi all’esplorazione e al rilievo in alcuni tra i più importanti abissi del nord Italia tra cui la Spluga della Preta (-875), il complesso dei Piani Eterni (-971, 25 km di sviluppo), Malga Fossetta (-975) e l’Abisso Spaurasso (-600). Ha esplorato anche nelle Alpi Apuane e in Sardegna oltre ad altre importanti zone carsiche d’Italia. Ha organizzato alcune spedizioni intergruppi all’estero: Cefalonia (Grecia 2003), Aranonera (Spagna 2005) Pirenaika (Spagna-Francia 2006). Nel 2003 ha partecipato alla spedizione del team La Venta al Canyon Piaxtla a Durango (Messico) e ad una ricognizione preliminare nella zona carsica di Juquila (Messico).È in questa occasione che per la prima volta comincia la sperimentazione delle calzature Gaibana in spedizioni esplorative di speleologia e canyoning.

Nel 2006 diventa socio del team di esplorazioni geografche La Venta, partecipando a numerose spedizioni in qualità di geologo e video.operatore (Naica 2007, Juquila 2007, Chiapas 2008, Tepui 2009, Chiapas 2009). È Istruttore Nazionale di speleologia del Club Alpino Italiano ed è membro del CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico).

Nel 2004-2005 ha scritto il soggetto e la sceneggiatura del film L’Abisso, sulla storia esplorativa della Spluga della Preta, opera che ha ricevuto numerosi riconoscimenti in vari festival europei (Trento, Cervinia, Gallio, Poprad, Zakopane, Tegernsee, Lubiana, Torello).

 

 

Articoli

Pantheon

 

 

Nel 2007 ha pubblicato il libro l’Abisso (CDA- Vivalda edisioni) che ha vinto una menzione al Premio Itas di letteratura di montagna 2008.

 

Ha pubblicato una trentina di articoli su riviste specializzate e ha partecipato con comunicazioni di carattere esplorativo e scientifico a convegni speleologici nazionali e internazionali.